Sta per aprire un nuovo bando che finanzia gli investimenti in tecnologie avanzate 4.0. Il bando è complesso ed i tempi sono stretti (domande entro il 18 maggio), ma il contributo è interessate.

Attenzione: il bando è cumulabile con il credito d’imposta 4.0, ma non è cumulabile con la nuova Sabatini 4.0.

BENEFICIARI

Le agevolazioni sono concesse alle micropiccole medie imprese (PMI) manifatturiere che debbano investire nell’arco di un anno tra 1 e 3 milioni di euro.

INTERVENTI AMMISSIBILI

I programmi di investimento devono essere diretti:

  1. all’ampliamento della capacità produttiva;
  2. alla diversificazione della produzione, funzionale a ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza;
  3. al cambiamento del processo di produzione di un’unità produttiva esistente;
  4. alla realizzazione di una nuova unità produttiva.

Inoltre gli investimenti devono prevedere uno dei seguenti punti:

  • utilizzo delle tecnologie abilitanti afferenti al piano Transizione 4.0 atte a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa (il cui ammontare deve risultare preponderante rispetto al totale dei costi ammissibili);
  • soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare (es. utilizzo efficiente delle risorse, il trattamento e la trasformazione dei rifiuti, riduzione, riciclo e riuso degli scarti alimentari, utilizzo di nuovi modelli di packaging, ecc.);
  • misure atte a migliorare la sostenibilità energetica dell’impresa (es. introduzione di sistemi di monitoraggio dei consumi energetici, utilizzo di energia termica o elettrica recuperata dai cicli produttivi, installazione di impianti di produzione di energia termica o elettrica da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, ecc.).

AGEVOLAZIONE

Per le imprese aventi sede nel Centro-Nord l’agevolazione si compone di un contributo a fondo perduto del 35% delle spese ammissibili per le micro e piccola imprese e al 25% per le media imprese.
Per le imprese aventi sede nel Centro-Sud il contributo a f. perduto arriva al 65%.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Procedura valutativa con procedimento a sportello:

  • dal 4 maggio 2022 compilazione della domanda;
  • dal 18 maggio 2022 le domande compilate potranno essere inviate

Con decreto direttoriale 18 maggio 2022 è stato disposto, a seguito dell’avvenuto esaurimento delle risorse finanziarie, la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione per le aree del Mezzogiorno. E’ ancora attivo lo sportello destinato alle altre regioni del Centro-Nord.