Simest 2022: contributi a f. perduto per le PMI colpite dalla crisi Ucraina

A causa della guerra tra Mosca e Kiev si è registrato un massiccio calo dell’export verso Russia, Ucraina e Bielorussia. Per porre rimedio a questo problema, la Camera ha approvato il dl 14-2022, che prevede la riattivazione della linea patrimonializzazione del Fondo 394 di Simest.

BENEFICIARI
Possono accedere alla misura tutte le PMI e Mid Cap (non più di 1.500 dipendenti) italiane in forma di società di capitali che, negli ultimi 3 bilanci depositati (2019-2021), abbiano

  • almeno il 20% del fatturato medio del triennio 2019-2021 con operazioni di esportazione diretta verso l’Ucraina, la Federazione Russa e la Bielorussia;
  • riscontrato un calo del fatturato nel 2022 pari ad almeno il 20% del fatturato medio del triennio 2019-2021 con operazioni di esportazione diretta verso l’Ucraina, la Federazione Russa e la Bielorussia.

INTERVENTI AMMISSIBILI
La misura mira all’ottenimento di risorse finanziarie agevolate con lo scopo di rafforzare la solidità patrimoniale delle imprese esportatrici.
Per tale agevolazione non è prevista né una rendicontazione né un piano di investimenti da sostenere.

AGEVOLAZIONE
La misura prevede:

  • finanziamento a tasso agevolato di 6 anni di ammortamento (di cui 2 anni di preammortamento) pari al 10% del tasso di riferimento UE: 0,65% (ovvero 0,065%) rif. maggio 2022 non superiore al 25% dei ricavi medi degli ultimi 2 bilanci fino ad un massimo di 1,5 mln di €;
  • un contributo a fondo perduto del 40%.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Apertura presentazione domande dal 12 luglio 2022 fino al 31 ottobre 2022fino a esaurimento fondi.