Sostegno alle imprese danneggiate dalla crisi in Ucraina

Il Fondo per il sostegno alle imprese danneggiate dalla crisi ucraina, con una dotazione finanziaria di 120 milioni di euro, è finalizzato alla concessione di aiuti alle aziende che hanno subito ripercussioni economiche negative a causa della crisi internazionale in Ucraina.

BENEFICIARI

Possono accedere alla misura tutte le PMI e Mid Cap (non più di 1.500 dipendenti) italiane in forma di società di capitali che:

  1. hanno realizzato negli ultimi 2 anni operazioni di vendita di beni o servizi, ivi compreso l’approvvigionamento di materie prime e semilavorati, con l’Ucraina, la Federazione Russa e la Repubblica di Bielorussia, pari almeno al 20% del fatturato aziendale totale;
  2. hanno sostenuto un costo di acquisto medio per materie prime e semilavorati nel corso dell’ultimo trimestre antecedente al 18 maggio 2022, incrementato almeno del 30% rispetto al costo di acquisto medio del corrispondente periodo dell’anno 2019 ovvero, per le imprese costituite dal 1° gennaio 2020, rispetto al costo di acquisto medio del corrispondente periodo dell’anno 2021;
  3. hanno subito nel corso del trimestre antecedente al 18 maggio 2022, un calo di fatturato di almeno il 30% rispetto all’analogo periodo del 2019.

AGEVOLAZIONE

La misura prevede un contributo a fondo perduto del:

  • 60% per i soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 non superiori a 5 mln di €.
  • 40% per i soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 superiori a euro 5 mln di € e fino a euro 50 mln di €.

Per le imprese costituite dal 1° gennaio 2020, il periodo di imposta di riferimento è quello relativo all’anno 2021.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Apertura presentazione domande dal 10 novembre 2022 e fino al 30 novembre 2022.